giovedì 29 dicembre 2016

Apre anche ad Aversa JonnyTakeuè


Pizza a Capodanno, oggi su può

ecco le tre creazioni di Simone De Gregorio


Riprodurre in pizza il menù del cenone di Capodanno. E' stato questo l'esperimento firmato dal giovane pizzaiolo del Johnnytakeue' di Aversa, Simone De Gregorio, che ha riscosso un grande successo già nella serata di presentazione.

Tre pizze, una per ognuno dei piatti tipici della mezzanotte più festosa dell'anno.


La pizza con il sauté di vongole e la vellutata di zucchine e patate, quella con gamberi, lardo di colonnata e champagne e, per finire, la lenticchie e cotechino.

"La pizza - ha detto Simone De Gregorio - non è più tabù per la tavola delle feste: la sempre crescente attenzione per gli ingredienti da utilizzare, la cosiddetta svolta gourmet e anche una ritrovata passione per gli impasti, rendono possibile sdoganare la pizza  dalla tavola delle feste". Simone De Gregorio, 22 anni, della scuola di Aniello Buonocore, è già famoso per aver realizzato la pizza maritata con gli ingredienti della famosa minestra anche in versione vegetariana.

Le novità di Simone ben si inquadrano nel format di Johnnytakeue' che, per il nuovissimo locale di Aversa (via Arturo Garofalo, 119 - uscita asse mediano Aversa-Melito - tel. 391/4880454 ) ha scelto arredi e finiture ecocompatibili e un design che guarda alle scenografie teatrali. A volerlo fortemente, gli imprenditori Antonio Mallardo e Giuliano Cimmino che hanno aperto in franchising la nuova sede della fervida cittadina casertana che si sta caratterizzando per essere polo di riferimento di tantissimi giovani campani.

Mallardo è al suo secondo locale: un anno fa ha inaugurato il primo store Johnnytakeue' a Giugliano in Campania (corso campano 126/128).

Il format nasce dall'idea di Giovanni Kahn della Corte che, famoso per la sua rete di apecar destinati alla vendita di pizze al portafoglio, ha poi realizzato i locali veri e propri, a partire da quello di viale Raffaello al Vomero.

Anche ad Aversa, esattamente come a Napoli, partner eccellenti: il molino Iaquone per le farine, il caseificio Euroiovine per le genuinità casearie, il pomodoro La Torrente e, per finire, le dolcezze di Gay-Odin. Proprio la famosa fabbrica di cioccolato ha realizzato una linea di dolci dedicati a Johnnytakeue': per festeggiare la nascita del nuovo locale di Aversa è stata ideata la pizza alla foresta nera.

Ma Johnny è anche solidale: stasera a Giugliano, in piazza Matteotti,  partecipa con il suo apecar alla cena di beneficenza promossa dal nutrizionista Costantino Bravaccino e da Vincenzo Abbate dell’associazione L’Albero della Vita con il patrocinio del comune di Giugliano.

Particolarmente soddisfatto per l'adesione il presidente del consiglio comunale di Giugliano,Luigi Sequino che, intervenuto da Johnnytakeue' alla presentazione alla stampa,  ha sottolineato come: "tali iniziative solidaristiche contribuiscano, insieme a quella delle altre realtà presenti in piazza, a rendere meno triste il Capodanno a quanti si trovano in condizioni di disagio in questo momento". 


In foto: Simone De Gregorio con una delle tre pizze di Capodanno

sabato 17 dicembre 2016

Gianfranco Iervolino, Morsi & Rimorsi, Aversa


Partenza entusiasmante mercoledì 14 dicembre per la nuova pizzeria di Gianfranco Iervolino in via Nobel ad Aversa.

Gli imprenditori, Paolo, Luca e Giuseppe Capece, in società con Gianni Malinconico e con lo stesso Iervolino, hanno deciso di aprire la seconda sede della pizzeria "Morsi&Rimorsi", già presente a Caserta, nella cittadina di origine normanna, da qualche anno diventata centro di grande interesse anche per l'offerta gastronomica sempre crescente.

Ospiti illustri, tra gli altri Luigi Cremona e lo chef stellato Alfonso Caputo, alla serata di inaugurazione, preceduta dalla conferenza stampa nel corso della quale il gruppo di soci ha presentato il locale e la pregevole inziativa, in collaborazione con la Diocesi di Aversa, di "adottare" un momumento, nello specifico il Mosaico del Cardinale Innico Caracciolo, opera di Pietro Bracci, sito nella Cappella del Sacramento della Cattedrale di Aversa.

L'intero incasso della pizza "Aversana", per tre mesi, sarà destinato alla ristrutturazione dell'opera.
La nuova pizzeria si pone come obiettivo una valorizzazione a 360° del territorio, casertano e aversano, passando innanzitutto attraverso questa iniziativa dedicata alla cultura, a dimostrazione che rilancio culturale ed economico viaggiano di pari passo.
Massima attenzione in questo nuovo format ai prodotti del territorio. Gianfranco Iervolino ha scelto solo prodotti di eccellenza per il nuovo locale: dai migliori formaggi del territorio casertano ai salumi sempre della stessa provenienza, fino ai migliori pomodori campani.
Ulteriore obiettivo è anche di educare al gusto e alla qualità la clientela, potenzialmente costituita da giovani, che frequenterà il locale.
Impasti curati dallo stesso Iervolino che già prevede per il futuro impasti particolari con l'uso di diverse farine ed ingredienti diversi.
La pizza simbolo del locale, per il momento, sarà l'Aversana. 
La stessa attenzione verrà ovviamente riservata alla scelta delle bevande.

Altra notizia degna di rilievo è l'area Gluten Free, una zona della cucina interamente dedicata alle persone intolleranti al glutine che potranno così godere dell'offerta del locale appositamente declinata per loro nella versione senza glutine.

L'intenzione è di ritornare presto a scoprire le altre proposte del locale.


Gianfranco Iervolino "Pizzeria Morsi & Rimorsi"
Via Nobel
Aversa

venerdì 16 dicembre 2016

Domenica 18 a Via Scarlatti apre la seconda sede della pizzeria "Olio & Pomodoro".





Inaugurazione Olio & Pomodoro Via Scarlatti 38-42
Olio & Pomodoro raddoppia. Dopo il primo grande successo raggiunto tre anni fa con la sede di Via Cilea, i soci fondatori hanno deciso di raddoppiare e di aprire una nuova pizzeria in Via Scarlatti 38-42, ad angolo con Via Morghen. A parte Salvatore Marco Grasso che proviene da una tradizione centenaria nel mondo delle pizzerie, ossia Gorizia 1916, gli altri soci fanno parte di ambienti lavorativi diversi. Da alcuni anni hanno deciso di mettere insieme la loro passione per il mondo del food che si è concretizzata nel progetto Olio & Pomodoro. Un format semplice ma d’effetto. La pizza di Olio & Pomodoro si contraddistingue per un buon impasto a lunga lievitazione, condito con ingredienti di prima qualità. In carta non mancano gli antipasti con i fritti della tradizione: crocché realizzato con patate di Avezzano, arancini e frittatine. Dalla collaborazione con lo chef Gennaro Esposito è nata la pizza Sorrentina, una margherita alternativa con pomodoro San Marzano a pacchetelle che riporta la memoria ai vecchi tempi, quando le nonne ci preparavano la pasta al pomodoro. Per tre anni consecutivi, Olio & Pomodoro ha partecipato a Festa a Vico e nel 2016 è stata presentata la pizza Gregoriana, con porchetta di mangalica Jolanda De Colò, provola e caciocavallo barricato di Gregorio Rotolo, ispirata dallo charcutier napoletano Salvatore Cautero. Anche la selezionata offerta di vini al calice (quasi tutti di aziende settentrionali) o la scommessa dell'abbinamento pizza-champagne grazie alla partnership con Vranken - Pommery, hanno contribuito a distinguere la pizzeria come un locale giovane e dinamico. Anche il locale di Via Scarlatti, come quello di Via Cilea, sarà aperto a pranzo e a cena e non ha giorni di chiusura settimanale. Si potrà partecipare all’inaugurazione del 18 Dicembre alle ore 20 solo su invito.
Per info e contatti stampa:
Dora Sorrentino
3282467520

giovedì 15 dicembre 2016

Grandi novità nel mondo della pizza napoletana. Nasce l'Unione delle Pizzerie Storiche Napoletane - "Le Centenarie"

Unione Pizzerie Storiche Napoletane - "Le Centenarie"



A Napoli "nasce" la Storia della Pizza



Il 13/12/2016, nel giorno dedicato a Santa Lucia, nel giorno più corto dell'anno, si è costituita l'Unione Pizzerie Storiche Napoletane - "Le Centenarie".



Per la prima volta nella storia della città di Napoli e nella storia della Pizza Napoletana, tante realtà connesse tra loro per rapporti familiari, storie e vicende partenopee, si sono riunite attorno a un tavolo ed hanno sottoscritto uno Statuto condiviso e voluto da tutti.



Obiettivo associativo è quello di salvaguardare la storicità della pizza napoletana, le sue tradizioni, la sua reale espressione che l'ha resa famosa in tutto il mondo.



La "centenarietà", intesa come approssimarsi o superamento del centesimo anno di età, ha fatto si che la stessa fosse fondata da 10 realtà storiche del mondo pizza partenopeo.

A sottoscrivere l'atto che ha sancito la nascita dell'Associazione Antonio Starita – Pizzeria Starita a Materdei, Salvatore Antonio Grasso – Pizzeria Gorizia 1916 a Via Bernini, Antonio Pace – Pizzeria Ciro a Santa Brigida, Paolo Surace – Pizzeria Mattozzi a Piazza Carità, Gennaro Luciano – Antica Pizzeria Port'Alba, Massimo Di Porzio – Pizzeria Umberto a Via Alabardieri, Giorgio Moffa - Antica Pizzeria Ciro dal 1923 a Formia e Gaeta, Alessandro Condurro – Antica Pizzeria da Michele a Via Sersale, Ferdinando Lombardi – Pizzeria Lombardi 1892 a Via Foria di Enrico e Carlo Alberto Lombardi, Gaetano Capasso – Pizzeria Capasso a Porta San Gennaro.



Antonio Starita, nominato Presidente, ha tenuto a precisare che "questa associazione non nasce con l'intento di sovrapporsi ad altre associazioni esistenti che svolgono una loro funzione e mission associativa, piuttosto quello di rafforzare la visibilità di realtà storiche che tutt'oggi fanno grandi numeri e storicamente sono state sedi di formazione e preparazione per tante generazioni di bravi pizzaioli. La difesa della pizza napoletana, così come la conoscono molti, è onere di tutti coloro che ne fanno parte. La modalità di stesa della pizza, il fornaio e il forno a legna sono patrimonio del nostro mondo che non possiamo dimenticare o rendere secondario in una realtà che corre fin troppo velocemente e dimentica che il presente esiste perchè c'è stato un passato e che questo passato è ancora vivo e vivace".



A maggior chiarimento il Vice Presidente, Salvatore Antonio Grasso, che ha dichiarato che con la nascita dell’Unione ha coronato un sogno che inseguiva da 15 anni, ha tenuto a precisare che "l'Unione Pizzerie Storiche Napoletane - "Le Centenarie" ha solo iniziato il suo cammino con un gruppo di soci fondatori. Prossimamente inviteremo altre realtà centenarie partenopee e via via che le altre raggiungeranno l'età prevista dall'associazione provvederemo a invitarle a farne parte. Con il nuovo anno l'UPSN – “Le Centenarie” comincerà a muoversi con attività sul territorio nazionale e internazionale al fine di promuovere la pizza napoletana e la sua storia".



La funzione di Segretario è stata affidata ad Alessandro Condurro che avrà il gravoso compito di gestire anche finanziariamente l'Unione.



A breve l’Unione Pizzerie Storiche Napoletane – “Le Centenarie” presenterà il proprio Marchio Associativo registrato. 





Unione Pizzerie Storiche Napoletane - "Le Centenarie"

Il Presidente

Antonio Starita

mercoledì 14 dicembre 2016

Alla Pizzeria 10 di Diego Vitagliano nuova carta dei vini e delle birre.


10 Pizzeria di Diego Vitagliano rinnova la carta delle bibite
E’ tempo di novità da 10 Pizzeria di Diego Vitagliano. In carta entrano nuove etichette tra birre e vini. La scelta è stata ben ponderata dopo un’accurata selezione tra le migliori aziende del settore. Si parte dai vini, con l’introduzione delle etichette di Salvatore Martusciello. E’ ormai nota a tutti la volontà di Diego Vitagliano di dare risalto ai prodotti del territorio flegreo ed i vini di Martusciello andranno ad impreziosire l’offerta. I clienti potranno scegliere tra:
Trentapioli - Asprinio d’Aversa DOC Brut Metodo Martinotti
Ottouve - Gragnano della Penisola Sorrentina DOC
Settevulcani - Falanghina dei Campi Flegrei DOC
Settevulcani - Piedirosso dei Campi Flegrei DOC

Oltre ai vini di Martusciello, sarà possibile apprezzare quelli dell’Azienda Vitivinicola Montespina:
Grande Farnia - Falanghina D.O.P. dei Campi Flegrei
Gruccione - Piedirosso D.O.P. dei Campi Flegrei
Terry - Vino spumante di Falanghina dei Campi Flegrei

Ma è sulla carta delle birre che c’è la vera e propria rivoluzione. Sulla carta delle bibite, oltre alla denominazione, viene indicata per ogni birra la descrizione, in modo che i clienti possano scegliere il loro prodotto artigianale preferito alla spina o in bottiglia da abbinare alle pizze di Diego Vitagliano. Ecco le birre del nuovo menu di 10 Pizzeria:
Birre artigianali alla Spina prodotte in esclusiva da Birra Valsugana
10 Chiara
Birra chiara, dal gusto leggero e beverino, ottenuta dalla selezione di malti d’orzo provenienti da materie artigianali. L’aggiunta di due varietà di luppoli e dell’esclusivo lievito “fresh” le conferiscono un’eccezionale digeribilità.
Abbinamenti: Pizze classiche e storiche
Stile: European Pale Lager
Colore: Chiaro
Fermentazione: Bassa
10 Ambrata
La birra ambrata, con note dolci e un delicato retrogusto amaro, prodotta con acqua purissima, malto leggermente tostato, tre tipologie di luppolo e lieviti di alta fermentazione che le donano la giusta digeribilità.
Abbinamenti: Pizze speciali e rivisitate
Stile: American Amber Lager
Colore: Ambrato - Fermentazione: Alta
Birre artigianali in bottiglia
CHIARE
BARLEY - Friska
Birra dal colore paglierino carico e dalla schiuma candida. Una specialità a base di malto d’orzo e frumento non maltato, speziata con coriandolo e scorza di arancia amara. Al palato offre opportune note acidule e citriche con un retrogusto leggermente amaro e secco.
Abbinamenti: Fritture di terra e mare, Formaggi freschi, Molluschi e crostacei e Dolci con frutta
Stile: WitBier - Colore: Oro velato
BREWFIST - Czech Norris
Birra dal colore giallo dorato con schiuma bianca persistente. Prodotta con l'utilizzo esclusivo di luppolo ceco Saaz. Al palato mostra note erbacee e agrumate e un bel finale amaro.
Abbinamenti: Fritture di terra e di mare, Formaggi e salumi freschi, Verdure a foglie
Stile: Imperial Pils - Colore: Giallo dorato
OPPERBACCO - EiPiEi
Birra chiara con schiuma pannosa bianca. All’assaggio, dopo un primo impatto dolce, dovuto a malti caramellati, la scena gustativa viene monopolizzata dalle note agrumate, floreali ed erbacee dei luppoli che persistono lasciando una avvolgente sensazione di secchezza.
Abbinamenti: Salse leggere, Formaggi Grana, Maiale e vitello e Verdure grigliate
Stile: APA - Colore: Giallo dorato
BREWFIST - 24k
Birra che si presenta molto chiara con schiuma leggera e persistente. Viene prodotta con malti inglesi e luppoli americani e tedeschi. Secca, con aroma erbaceo e retrogusto leggermente amaro.
Abbinamenti: Patate fritte o al forno, Formaggi freschi e
Salumi freschi
Stile: Golden Ale - Colore: Giallo dorato
EXTRAOMNES - Blond
Birra con schiuma prorompente, candida e di una pannosità quasi solida. Al palato è molto leggera di corpo, con lievi iniziali note maltate che lasciano il campo ad un finale rinfrescante con un taglio amaro di discreta persistenza.
Abbinamenti: Fritture di terra e di mare, Salumi stagionati, Formaggi piccanti e Maiale e Vitello
Stile: Blond Ale - Colore: Giallo paglierino
DELLA GRANDA - Sirena
Birra chiara con una schiuma pannosa. Aroma con note agrumate marcate. Al palato l’amaro è intenso e persistente grazie anche all’utilizzo di una percentuale di frumento.
Abbinamenti: Verdure grigliate, Formaggi e salumi freschi, Frittata di uova
Stile: White IPA - Colore: Giallo paglierino
AMBRATE
BARLEY - Sella del Diavolo
Birra dal color ambrato con riflessi aranciati e la persistente schiuma color crème, realizzata con l’impiego di malti tostati che esprimono sentori e sapori che vanno dal biscottato al torrefatto. Al gusto si presenta vinosa e calda con una secchezza molto opportuna che la rende ben bilanciata con note dolci, fruttate, tostate e lievemente affumicate e note pungenti ed amarognole.
Abbinamenti: Formaggi Piccanti, Maiale e Dolci con mandorle
Stile: Biere de Garde - Colore: Ambrato
KARMA - Amber doll
Birra con un evanescente schiuma crema caratterizzata da un elegante blend di sei malti pregiati, luppoli continentali e americani e miele di castagno di produzione biologica. Il sapore offre un intenso gusto di malto dai sentori dolci di castagno. Rifermentata e affinata in bottiglia, forma sedimento naturale.
Abbinamenti: Ragù, Formaggi Piccanti, Maiale, Castagne e funghi
Stile: Amber Ale - Colore: Ambrato
KARMA - Carminia
Birra ambrata caratterizzata da una schiuma leggera e cremosa. Caratterizzata dai sentori caramellati e leggermente tostati dei malti ed impreziosita dall’aggiunta di luppolo durante la fermentazione, al gusto mostra note amare agrumate che terminano con un taglio secco. Rifermentata e affinata in bottiglia, forma sedimento naturale.
Abbinamenti: Salse leggere, Formaggi Grana, Maiale e vitello e Verdure grigliate
Stile: IPA - Colore: Ambrato
STIMALTI - Sta Notte
Birra con un cappello di schiuma color nocciola poco persistente. All’assaggio è inizialmente dolce, ma subito si mostrano note di caffè e uno spunto di affumicatura dovuto all’utilizzo di malti tostati, chiude in maniera secca, amara, con una decisa agrumatura data dai luppoli.
Abbinamenti: Carne affumicata, Formaggi molto piccanti e Dolci con cioccolato fondente
Stile: Imperial Stout - Colore: Bruno
EXTRAOMNES - Bruin
Birra con schiuma color cappuccino che campeggia sul consistente liquido tonaca di frate. Aromatizzata con pasta di marron glacé. Inizialmente quasi “dolce” con note di torrefazione, cioccolato amaro e caramello con retrogusto finale amaro.
Abbinamenti: Formaggi piccanti e erborinati, Maiale, Castagne e funghi e Dolci con cioccolato
Stile: Belgian Bruin - Colore: Bruno
DELLA GRANDA - Black Hop Sun
Birra con denso cappuccio schiumoso a tinte nocciola. Aroma con note di caffè, orzo tostato liquirizia e cacao. Al palato le dolci note iniziali del malto vengono presto smussate da un'amarezza particolare ed abbastanza lunga che rende la birra
asciutta nel finale.
Abbinamenti: Formaggi piccanti e erborinati, Maiale, Salumi stagionati e Dolci al cioccolato
Stile: Black IPA - Colore: Bruno

Secondo appuntamento con il ciclo "Visioni e territorio" lunedì 19 dicembre al Bubba Pub di Pozzuoli.


Al Bubba Pub la seconda tappa del ciclo “Visioni & Territorio”
Il 19 dicembre 2016 dalle ore 20,00 al Bubba Pub di Pozzuoli si terrà la seconda tappa del ciclo “Visioni & Territorio”.
Un percorso che è stato inaugurato con successo dallo Chef 1 stella Michelin Paolo Gramaglia e dalla sua “visione” dell’antico pane pompeiano. Anche questa volta, il concetto di “pane con” serve come punto di partenza per raccontare ricordi, emozioni e territori.
Nella seconda tappa di questo viaggio ideale, #ilmareinmezzoalpane del Bubba Pub incontra il Giappone.
Venerando Valastro, resident chef del Bubba Pub, duetterà con Keisuke Aramaki, sushi chef del nuovissimo WaRestaurant, ennesima perla dell’hub del gusto, Palazzo Vialdo, di Vincenzo Di Prisco, a Torre del Greco (NA). Ne consegue un menù strutturato in sette portate.
Lo starter sarà composto da una tartare di sauro realizzata dallo chef Aramaki accompagnata con chips di “anima” di polpo leggermente speziate di Valastro.
A seguire Venerando Valastro presenterà la rivisitazione di un grande classico natalizio partenopeo, la minestra maritata, che diventa per l’occasione “ammarinarata” perché realizzata con elementi marini, in particolare la testa di polpo.
Ed il polpo resta il leitmotiv anche nella seconda proposta di Aramaki, ovvero un must dello street food di Osaka, i Takoyaki, polpette di pastella fritte ripiene di polpo, crumble di tempura, zenzero marinato e guarniti con salsa Otafuku, alga nori tritata e katsuobushi, velo di tonnetto striato essiccato ed affumicato.
Nella terza portata lo chef Aramaki proporrà degli interessanti maki, a base di sgombro e granchio, e lo chef Valastro realizzerà delle polpette di gambero croccanti con spaghetti di daikon (ravanello giapponese), pomodoro e mayo al curry su crosta di bun.
L’ultima piatto sarà fusion, realizzato in collaborazione da Aramaki e Valastro e consisterà in un tradizionale Ramen (prodotto a mano dallo chef giapponese) con brodo dashi e salsicca di polpo e rana pescatrice, che al Bubba Pub è un cavallo di battaglia del nuovissimo menù da poco a regime.
Le portate saranno accompagnate dai vini della Cantina Vitis Aurunca, azienda nata dalla passione di agronomi/agricoltori per la riscoperta del territorio campano compreso tra il massiccio calcareo del Monte Massico, il Vulcano di Roccamonfina e la piana del fiume Garigliano. Sarà proposto in degustazione il vino “AGNESE”, Falerno del Massico Bianco DOC, un vino sapido e dal bouquet complesso con note floreali e agrumate.
Si chiude con i gelati artigianali realizzati dalla Maestra gelatiera Pina Molitierno di Vanilla Ice Lab che per l’occasione creerà un gelato artigianale salato di mare e sul tema natalizio.


Costo al pubblico €.30,00 a persona
Solo 45 posti disponibili su prenotazione
Info e prenotazioni: 081-18581931
BUBBA PUB - Corso della Repubblica n. 57- Pozzuoli (NA)


Ufficio Stampa
Catalano Consulting S.r.l.s.
mailto: ufficiostampa@catalanoconsulting.it

lunedì 12 dicembre 2016

Domenica 18 brunch a Piazza Bellini per i bambini del quartiere Sanità, con i fritti di Ciro Oliva.


A Natale si pensa a Magnà per la Sanità
Brunch di beneicenza per i bambini della Casa dei Cristallini con l'esposizione dei piatti ideati per il pizzaiolo Ciro Oliva

A Natale siamo tutti più buoni” diceva un andante. “A Natale la pizza fritta è molto più buona” ribatte Ciro Oliva, il giovane e talentuoso pizzaiolo di “Da Concettina ai Tre Santi”, appena nominato Ambasciatore della Pizza da Slow Food.
.
Magnà gli ingredienti Sani e Giusti con il ponte creativo della giornalista enogastronomica Monica Piscitelli invitano il pizzaiolo del Rione Sanità - a Piazza Bellini il 18 dicembre prossimo (ore 11,30) alla galleria d'arte Spazio Nea di Luigi Solito a dare un saggio della sua abilità per beneficenza.

L’occasione è la presentazione dei piatti da pizza realizzati per il pizzaiolo da "Magnà", il laboratorio dei piccoli designer della Casa dei Cristallini, associazione che si occupa di minori e famiglie nella parte più interna del Rione Sanità.

In questo 2016 il progetto si è finanziato, attraverso il contatto creato dalla giornalista Monica Piscitelii con realtà di primaria importanza del settore food, con il contributo di imprenditori che hanno scelto di affidare ai piccoli della Sanità - accompagnati dalle artiste Susy D’Urzo e Mary Cinque - la realizzazione di elaborati creativi finalizzati alla corporate identity aziendale.
Tra gli altri:  Festa a Vico di Gennaro Esposito, la pizzeria di Michele Condurro a Fuorigrotta, il Ristorante Pizzeria Umberto a Chaia, la Pasticceria Mennella  di Torre del Greco, oltre l’Associazione Donne del Vino,  l’ Ais Napoli e Wine and the city di Donatella Bernabò Silorata.

La Casa dei Cristallini si occupa di minori e famiglie nella parte più interna del rione Sanità. Quando il parroco nel 2001 arrivò nel Rione Sanità racconta di essere rimasto profondamente colpito da quelle che erano le «ali estreme» dei Cristallini e di San Gennaro dei Poveri, zone che non fanno propriamente parte della Sanità, ma sono accorpate al suo cuore, già scisso fra la basilica di San Severo e quella di Santa Maria. Poverissime, rappresentano il ghetto nel ghetto, l’humus ideale per una microcriminalità diffusa. E’qui che operiamo dal 2002 ed è da qui vogliamo creare un ponte con il mondo dei professionisti del food per autofinanziarci” racconta Gina Bonsangue, vicepresidente della Associazione Casa dei Cristallini

Il programma del brunch domenicale - con donazione libera alla Casa dei Cristallini -prevede arte, disegno e pizza. Mentre si svolgono i laboratori (ore 11,30 e ore 12,30) di disegno per piccoli con i bimbi della Sanità (Contributo associativo 6 euro. Prenotazioni per ore 11,30 e 12,30 al numero di telefono 3408965172 ) si potranno ammirare gli elaborati e i piatti creati da Magnà e degustare le creazioni di Oliva che frigge, per la prima volta, sulla bella  piazza Bellini.


Cosa è "Magnà"

Ideato e gestito da Assunta D'Urzo e Mary Cinque, consiste nella preparazione di merende ad arte per bambini dai 6 ai 10 anni fatte con ingredienti di stagione,  per educare i bambini a mangiare bene divertendosi.
Qui la Casa dei Cristallini sul web https://www.facebook.com/La- casa-dei-Cristallini- 213224479008698/?fref=ts.

Evento a posto limitati.
PER ACCREDITI STAMPA SCRIVERE A UNO DEI SEGUENTI INDIRIZZI EMAIL O NUMERI DI TELEFONO INDICANDO NOME, TESTATA E NUMERO DI TELEFONO.

Ufficio stampa:
Walter Medolla waltermedolla@gmail.com - 3491979685
Monica Piscitelli m.piscitelli@yahoo.com - 3480063619

Credits: Spazio Nea, Ciro Oliva, La Casa dei Cristallini, Magnà Gli Ingredienti Giusti, Ilaria Grimaldi design, Monica Piscitelli Campania che Vai


mercoledì 7 dicembre 2016

CHE(F)...PIZZA martedì 13 dicembre da "Il Colmo del pizzaiolo" a Monte di Procida.

CHE(F)... PIZZA

Martedì 13 Dicembre 2016 alle 20.30
Il Colmo del Pizzaiolo
Via Cappella, 23 Monte di Procida(Na)
Monte di Procida (Na)- Martedì 13 Dicembre alle 20.30 Il Colmo del Pizzaiolo inaugura un ciclo di appuntamenti dedicati a gusto, incontri e confronti. 
 
Per il primo evento dal giocoso titolo Che(f)…Pizza! Federico Guardascione Maestro Pizzaiolo del panorama flegreo ospiterà lo chef stellato Paolo Barrale del ristorante Marennà di Sorbo Serpico (Av). Il primo, timido e attento studioso di impasti e lievitazione, continuamente desideroso di conoscere e confrontarsi , il secondo, invece, gioioso e pronto a mettersi in gioco fino a snocciolare ricette e abbinamenti, in modo estemporaneo, al solo sentir citare un ingrediente. La tradizione è ben salda nel suo cuore ma è sempre pronto a smembrala per comporre piatti accattivanti e creativi. Per l’occasione, il fragrante e leggero impasto realizzato con farine macinate a pietra diventerà base per accostamenti non convenzionali e si proporrà come un vero e proprio piatto di alta cucina.
Due diverse personalità che tra fornelli e forno hanno dato vita a un menu costellato di riferimenti a retaggi di infanzia, ai territori di provenienza e di adozione e con una combinazione di elementi intriganti stuzzicheranno il palato e inviteranno a lasciarsi andare. Si esclamerà Che Pizza! ma anche Chef, Pizza!
A sigillare l’esperienza plurisensoriale sarà il finale dolce ideato e realizzato da Paolo e Margherita, la pasticcera di casa. 
 
Le pizze saranno condite con olio extravergine dell’azienda irpina Fam. In abbinamento le bollicine Dubl+, Dubl Rosato e Dubl Brut di Feudi di San Gregorio e Blum Ognissole.

Menu
Coppetiello spassatiempo
Panzarotto rape e patate. Arancino classico siciliano speziato. Frittatina di pasta e patate, caciocavallo e tartufo. 

Degustazione di pizze
Delicate Trasparenze
Cipolla ramata al forno, tartare di gamberi bianchi, caprino, limone grattugiato, pepe di macina, sale di Maldon e olio extravergine di oliva. 

Alici, alici, alici…
Alici, patate nuove, fiordilatte, pane profumato, origano e olio extravergine di oliva.

Baccalà di rinforzo
Baccalà, cavolfiore stufato, peperoni arrosto, tartufo, pil pil all’acciuga, capperi, scarola croccante e olio extravergine di oliva.

Calzone “maritato”
Minestra asciata di erbe di campo, cotechino artigianale e caciocavallo semi stagionato.

Genovese… al mare
Genovese tradizionale di cipolle, carpaccio di tonno crudo, parmigiano stravecchio, misto di spezie e cru di cacao e olio extravergine di oliva.

Finale dolce
Un altro cannolo
Crumble alle noci, cremoso al mandarino, mousse di ricotta, gelèe al mandarino e nido di cannolo.

In degustazione
Olio Extravergine di Oliva Fam della famiglia Tranfaglia. 

In abbinamento
Dubl +, Dubl Rosato, Dubl Greco di Feudi di San Gregorio e Blum Ognissole.


Ingresso solo su prenotazione.
Ticket di partecipazione € 30.
Per info e prenotazioni:
0815235533 – 3386200929
Per organizzazione evento e ufficio stampa
Floriana Schiano Moriello
Mob. 3392635562
florianaschianomoriello@gmail.com



Federico Guardascione ha trascorso l’infanzia nel ristorante e pizzeria di famiglia dove la mamma era cuoca e si dedicava anche all’impasto del pane e della pizza. Affascinato, già a sei anni, attendeva il momento dell’impasto per aiutare la mamma e lo zio e quando era stanco andava a riposare sui sacchi di farina. Lo zio di Federico rientrato dall’America aveva cominciato a realizzare pizze in stile americano, sottili e biscottate che non sposavano per niente l’ idea di pizza di Federico. Durante l’adolescenza ha studiato da odontotecnico e dopo le ore di lezione spesso marinava le ore di laboratorio per andare in giro per le storiche pizzerie di Napoli, tra Port’Alba e Pignasecca per carpire i segreti dell’impasto e della lievitazione e comprendere le differenze con la pizza proposta dallo zio. Federico, già allora, immaginava una pizza alta, con cornicione alveolato e soprattutto digeribile. Dopo il diploma è diventato il pizzaiolo dell’esercizio di famiglia ma ben presto ha scelto di abbandonare il posto sicuro per fare esperienze altrove fin quando poi ha scelto di mettersi in proprio prima con una piccola attività per pizze da asporto e pochi tavoli, poi con una molto più grande proprio dove un tempo sorgeva il ristorante di famiglia. Senza mai abbandonare ricerca e sperimentazione Federico ha messo a punto la sua idea di pizza, si è ben distinto nel panorama flegreo e si è fatto conoscere e apprezzare tanto che sia nel2007 che nel 2008 ha vinto il Pizza fest di Napoli. Da un anno insieme alla moglie Margherita è alla guida de ‘Il colmo del Pizzaiolo’ la nuova attività ai piedi di Monte di Procida dove convergono le conquiste avvenute nei trenta anni di esperienza: i posti a sedere sono circa sessanta, l’attenzione al cliente e alla proposta è massima, la selezione delle materie prime è attenta e rigorosa e il desiderio di fare ricerca è sempre costante. L’impasto è completamente realizzato con farine macinate a pietra, è molto idratato e lievita per almeno 24 ore e così ne deriva una pizza morbida, fragrante e scioglievole, con cornicione alto e abbondantemente alveolato e soprattutto particolarmente digeribile. Oltre alla pizza vengono serviti anche alcuni piatti a base di pesce complice la passione di Federico per la pesca e l’amicizia con numerosi pescatori locali. Invece per la proposta dolce se ne occupa Margherita, compagna di vita e di lavoro di Federico. Lei negli anni ha scelto di formarsi presso note scuole di pasticceria e così, a fine pasto, propone dolci ambiziosi realizzati con passione e ingredienti selezionati.
Paolo Barrale, origini siciliane, ha una grande scuola alle spalle. La sua cucina è tipica senza banalità, moderna senza fuochi d’artificio. I suoi piatti sono espressione, sunto e, insieme, ricordo di tanti momenti della sua vita, dall’infanzia in Sicilia alle esperienze a Roma in una brigata internazionale e, adesso, in Campania e più precisamente in Irpinia. Dal 2004 è lo chef del Marennà, il ristorante che testimonia la cultura dell’ospitalità di Feudi di San Gregorio azienda vitivinicola nata nel 1986. Il Ristorante guidato dallo chef Paolo Barrale ha ricevuto numerosi riconoscimenti per l’accoglienza e l’alta qualità della sua cucina, tra gli altri, nel 2009, la Guida Michelin lo ha gratificato con la prestigiosa “stella”. Lui è anche chef del ristorante San Gregorio all’interno dell’Areoporto di Capodichino di Napoli, inaugurato a marzo 2015.

martedì 6 dicembre 2016

Il 9 dicembre "Futuro Giovani, Formarsi per non Fermarsi" alla scuola "Dolce e Salato" di Maddaloni.

Maddaloni, 9 dicembre Scuola Dolce e Salato. Futuro Giovani: Formarsi per non Fermarsi
Incontro interattivo tra famiglie degli allievi ed orientamento al mondo del lavoro


Il 9 dicembre alla “Dolce e Salato” di Maddaloni, scuola di formazione accreditata alla Regione Campania fondata e diretta dallo chef e Maestro Giuseppe Daddio e dal Maestro pasticcere Aniello di Caprio, una delle prime realtà di rilievo nazionale, considerata sul territorio campano come opportunità certosina per i giovani che vogliono approcciarsi nel settore dei servizi per l’enogastronomia e per l’accoglienza turistico-alberghiera, alle ore 13 si terrà l’incontro intermedio tra la scuola e l’inserimento degli allievi nel settore di riferimento.
L’apertura dei lavori moderati dal responsabile della redazione del Mattino di Caserta Lorenzo Calò, è affidata al direttore della Dolce e Salato, Giuseppe Daddio, che parlerà dell’andamento didattico e dei contenuti svolti attraverso la sistematica programmazione scolastica. Seguiranno gli interventi di: Vincenzo D’Antonio, giornalista enogastronomico di Italia a Tavola “etica del ristoratore”;  Michelle Bruno, docente di lingue “internazionalizzazione, lavorare all’estero”; Francesco Sposito, chef e patron di Taverna Estìa (2 stelle Michelin), “un giovane tra i giovani: l’esempio della sua ascesa professionale e del posizionamento in capo alla classifica”; Antonino Maresca, pasticcere di spiccata ricerca nella cucina dei dolci “umiltà, impegno e determinazione nella professione di chef-pasticcere”; Vincenzo Pagano, direttore della testata Scatti di Gusto “formazione professionale nell’ambito del mercato ricettivo: motivazione e coerenza per le nuove generazioni di addetti ai lavori su scala internazionale”. A Chiudere, Chiara Marciani, Assessore Formazione e Pari Opportunità della Regione Campania “il cibo e l’arte del gusto come integrazione”.
Diverse saranno le testimonianze di allievi che hanno frequentato negli anni passati i corsi alla scuola maddalonese, i quali, hanno dimostrato la maturità acquisita in campo lavorativo, in cui la scuola è servita da apripista.
Come per ogni sessione, la scuola Dolce e Salato anche questa volta concede qualifiche EQF4 riconosciute nell’ambito europeo per i cuochi, pasticceri, pizzaioli e bartender, dove i docenti per il periodo didattico sono stati grandi nomi del panorama nazionale ed estero della cucina, pasticceria e della pizza. Mentre, a tenere i corsi propedeutici per le lezioni interne affiancati da validi collaboratori esperti di insegnamento sono stati: Roberto Onorati, Salvatore e Roberto Susta, Antonio Di Crescenzo e l’intero assetto organizzato degli assistenti guidati da Daddio e di Caprio.
“In un momento dove la figura del cappello e della giacca bianca è un’icona da perseguire – dichiara Daddio, maestro di vita ed ambasciatore del sistema scuola, cultura ed integrazione – diventa un esperto professionista chi ha la capacità di prefiggersi degli obiettivi rispettando tutte le fasi della crescita e quelle dell’obbligo.  “Pertanto il consiglio che sento di dare ai prossimi allievi che si accingono a frequentare le scuole di cucina – continua lo chef – è quello di chiedere preventivamente tutto della loro programmazione didattica e del titolo conseguente per proseguire sia per le attività di placement che per il successivo inserimento lavorativo”. “Inoltre – conclude Daddio – voglio sottolineare che la nostra scuola di esperienza ventennale è una rara realtà in mezzo a pseudo-scuole non riconosciute e non accreditate i cui titoli non hanno nessun valore legale nell’ambito professionale”.
Ad accogliere le famiglie, i parenti, gli addetti ai lavori e gli amici il sorriso degli allievi che hanno seguito il percorso formativo. Come da tradizione, al termine saranno offerte le creazioni gastronomiche preparate dai corsisti.
Maddaloni, 5 dicembre 2016
La scuola Dolce & Salato è in via Forche Caudine, 141 Maddaloni (CE).
Telefono 0823. 436022
www.dolcesalatoscuola.com

Il 7 e 8 dicembre "Notti della Bontà" ad Alife.


Notti delle Bontà: ad Alife due serate gourmet
Dopo il successo della “Via delle Bontà”, l’associazione APA torna a proporre un nuova sagra rigorosamente “gourmet”

Ritorna ad Alife (Caserta), la sagra già promossa l’estate scorsa dall’associazione APA che porta in piazza i piatti gourmet. L’appuntamento è per mercoledì 7 e giovedì 8 dicembre (dalle ore 16 in poi) nel centro storico della cittadina dell’alto casertano.
Una kermesse dove Chef, Produttori e Artisti tracceranno un percorso enogastronomico che celebra, promuove ed esalta le eccellenze agricole ed enogastronomiche del territorio campano.
Obiettivo degli organizzatori è favorire i piccoli produttori, quelli che non si arrendono alle logiche di mercato e che con caparbietà e sacrificio continuano a produrre e promuovere “tesori”, consapevoli del patrimonio culturale di cui sono custodi.
La rassegna è una proposta unica nel panorama delle sagre campane. Nel menù non si trovano i classici panini, ma piatti ricercati, preparati con materie prime di qualità e secondo procedimenti attenti alla salute, presentati con la cura di un ristorante stellato. Con due benefici: un conto contenuto e lo scenario suggestivo del luogo.

Da non perdere: il raviolo ripieno di cipolla di Alife nappato al burro di bufala, noci e cacio di bufala griffato dallo chef Angelo Fabozzo; la pizza con farina di canapa a portafoglio di Pasquale Serra;  il gelato al gorgonzola di Alessandro Pierangeli (che, tra l’altro, sarà il protagonista di uno dei tanti show cooking che saranno svolti durante l’evento); il “cuzzetiello al soffritto” e il “cuzzetiello lemmosina e papaccelle” dello chef Lello Cangianiello; le cipolle candite di Anna Chiavazzo;  il pacchero con ripieno di salsiccia di maialino nero casertano, friarielli e provola, e  le polpettine di baccalà e cipolla affumicata preparate dallo chef Umberto Ventriglia; la zuppa di cipolle gratinata e il pancotto al fagiolo cerato, piatti che saranno preparati dall’Associazione Produttori Alifani; ed, infine, le frittelle di mela annurca alla farina di canapa e mou alla canapa (una creazione dell’agronomo Nicola Migliaccio). 



Per maggiori informazioni:
info@viadellebonta.it
www.viadellebonta.it

mercoledì 30 novembre 2016

Primo appuntamento del percorso "Visioni & Territorio" lunedì 5 dicembre a Pozzuoli.


Al Bubba Pub al via il progetto Visioni & Territorio

Il 5 dicembre 2016 alle ore 20,00 al Bubba Pub di Pozzuoli prende il via il ciclo “Visioni & Territorio”.
Un percorso con Chef Stellati e giovani promesse della ristorazione dove il “pane con” serve da spunto per narrare i propri luoghi, tradizioni e memorie.
In linea con il Bubba Pub, eclettica realtà puteolana dove al motto di #ilmareinmezzoalpane si propongono pietanze a metà strada tra i panini dei pescatori e le creazioni di alta cucina, “Visioni & Territorio” traccia una prima linea che da Pozzuoli giunge sino a Pompei.
Qui Laila e Paolo Gramaglia del Ristorante President – 1 stella Michelin – propongono “Pinsa cum Hypotrimma”, focaccia pompeiana di epoca romana rivisitata e accompagnata dal “Vulcanico” Paolo Gramaglia che ne racconterà gli spunti di partenza, la storia, i ricordi e le rielaborazioni volute.
Abbinato al piatto il “Settevulcani” – Falanghina dei Campi Flegrei DOC 2015 – di Salvatore Martusciello, Vigneron del territorio flegreo e titolare dell’omonima Azienda.
A seguire “Flego” di Venerando Valastro, resident Chef del Bubba Pub.
La cicerchia, le interiora di pesce sotto forma di insolito soffritto ed i germogli serviranno a narrare il territorio flegreo e la passione di chi vi opera.
A far da spalla al piatto “Jattura”, la nuovissima birra affumicata di Kbirr, realtà brassicola partenopea di Fabio Ditto.
A chiudere la serata un dolce elaborato dal Maestro Pasticciere Aniello Di Caprio e dallo “Zar” dei dolci di tutte le Russie Alexander Kislitsyn, rispettivamente Proprietario/Docente e Docente per monografia della Scuola Dolce & Salato di Maddaloni.

Costo al pubblico €.30,00 a persona
Solo 45 posti disponibili su prenotazione
Info e prenotazioni: 081-18581931

BUBBA PUB
Corso della Repubblica n. 57
Pozzuoli (NA)


martedì 8 novembre 2016

Mercoledì 9 novembre al Gran Caffè La Caffetteria di Piazza dei Martiri, Panettoni D'Autore.


Panettoni d’Autore del Forno Guarino
Mercoledì 9 Novembre ore 18.30 Gran Caffè La Caffettiera

I Panettoni d’Autore del Forno Guarino verranno presentati mercoledì 9 Novembre alle ore 18.30 presso il Gran Caffè la Caffettiera di Piazza dei Martiri (Na).
Dalla collaborazione tra Nicola Guarino, titolare dell'omonimo forno di Mirabella Eclano (Av) ed il Pasticciere Antonino Maresca, nascono i Panettoni d'Autore del Forno Guarino, che hanno la caratteristica di essere cotti nel forno a legna. La costante ricerca delle materie prime, elemento fondamentale curato da Antonino Maresca, insieme all'arte bianca ed ai processi di lievitazione messi a punto da Nicola Guarino, sono venuti fuori dei panettoni di alta qualità. Durante l'evento verranno presentate alcune tipologie di panettone: il classico, il panettone all'olio extravergine d'oliva e verbena adatto per preparazioni salate, il panettone di Natale, con ingredienti ed aromi tipici natalizi, ed una sorpresa.
Il Forno Guarino ha una storia luna trentaquattro anni e si trova a Mirabella Eclano, in provincia di Avellino. Nicola Guarino inizia questa esperienza sostenuto dalla moglie Assunta e dalla madre Ida. Inizia con l’arte della panificazione, ma la sua passione per i lievitati lo porta negli anni Novanta a realizzare prodotti da prima colazione. Il forno a legna è stato brevettato da Nicola stesso. Quattro anni fa avviene l’incontro con il pasticciere Antonino Maresca, la cui carriera inizia da giovanissimo, quando comincia a lavorare in un piccolo laboratorio di Sorrento, la sua terra d’origine. Negli anni si forma presso le più importanti cucine, fino ad arrivare a Il Mosaico di Ischia, dove sarà al fianco di Nino Di Costanzo per sette anni. Dalla passione di Nicola e dalla cultura di Antonino nascono i Panettoni d’Autore del Forno Guarino, cotti nel forno a legna. I limoni e le arance di Sorrento, scelti per il panettone tradizionale, vengono canditi in azienda dallo stesso Antonino. Tutto viene prodotto in maniera artigianale. Oltre al panettone tradizionale, il Forno Guarino produce il Panettone Fichi ed Amarene, con fichi del Cilento ed amarene irpine, il panettone con Cioccolato al fior di sale e limone candito, il Panettone olio extravergine d’oliva irpino e verbena, il panettone con la mela annurca irpina ed il “C’era una volta a Natale” a base di pisto, mandarino, mosto cotto, miele, mandorle e nocciole. Ma la gamma dei Panettoni d’Autore non si ferma qui, è prevista infatti la sperimentazione di nuovi gusti che conquisteranno i palati di tutti.
I panettoni vengono realizzati con lievito madre e la lievitazione ha una durata di trentasei ore.

In abbinamento ai panettoni ci saranno i vini delle Cantine Caggiano.
Durante la serata è prevista anche la degustazione di finger food preparati dal ristorante del Gran Caffè La Caffettiera che, grazie alla cordiale ospitalità della famiglia Campajola, metterà a disposizione i propri spazi per la presentazione
Si potrà partecipare solo accreditandosi presso l'ufficio stampa
Dora Sorrentino
3282467520
dodosorre@libero.it

Visualizzazioni totali