venerdì 31 marzo 2017

"A cena con..." il 4 Aprile a "La Tradizione".


Martedì 4 Aprile, alle ore 20.30, presso il ristorante La Tradizione a Portici (NA), si terrà una serata evento intitolata “A cena con…”. Il locale della Famiglia Brancaccio porterà nel suo ristorante di cucina tradizionale napoletana ben due personaggi del panorama gastronomico. Sarà un vero e proprio menù, dall’antipasto al dolce, accompagnato dai vini della Cantina De Santis.

 Il primo ospite sarà il butcher & griller Sabatino Cillo, lo stilista della carne, da Airola (BN). Cillo, che nell’ultimo anno si è imposto in Campania con due aperture con la sua firma (Cillo Grill&Barbecue House adiacente alla sua macelleria ad Airola e un punto vendita ad Eccellenze Campane a via Brin), porterà in degustazione i suoi salumi e un assaggio in anteprima dei suoi nuovissimi wurstel artigianali. 

La seconda portata sarà ovviamente di carne lasciando la definizione dei luoghi e tagli di carne all’eclettico macellaio sannita.

L’antipasto sarà la tipica parmigiana di melanzane realizzata dallo chef Resident de “La Tradizione”, così come al team di casa sarà affidata anche la prima portata, un’antica Genovese la cui ricetta si tramanda di generazione in generazione per la Famiglia Brancaccio.

Il secondo ospite della serata sarà il pastry chef Antonino Maresca. Nato a Sorrento, queste terre per lui sono di casa, nonché grande fonte di ispirazione per i suoi dolci. Il talentuoso chef pâtissier (che tra le esperienze più importanti vanta una strettissima e longeva collaborazione con lo Chef Nino Di Costanzo, oggi due stelle Michelin - Ristorante Danì Maison – ed all’epoca della collaborazione due stelle Michelin presso il ristorante Mosaico dell’Hotel Manzi di Ischia) proporrà delle creazioni ad hoc per questa serata, con il suo stile innovativo e dirompente.



La Tradizione

Via Verdi, 26 – Portici (NA)

Gradita la prenotazione: 081 776 8569

35€ a persona (vini inclusi)✅ 081 776 8569✅ 081 776 8569



martedì 21 marzo 2017

A grande richiesta 50 Panino apre anche a pranzo. L'hamburgeria di Ciro Salvo è il nuovo lunch place di Napoli.




50 PANINO apre anche a pranzo
A grande richiesta l’Hamburgeria di Ciro Salvo è il nuovo lunch place di Napoli
#50panino

A grande richiesta del pubblico, 50 PANINO HAMBURGERIA di Ciro Salvo da mercoledì 22 marzo sarà aperta anche a pranzo. Ogni giorno, escluso il martedì, gli appassionati di panino&dintorni potranno dedicarsi una pausa pranzo ad alto tasso di gusto. Accanto al menu della sera, Ciro Salvo e il suo staff hanno elaborato proposte di insalate, sandwich e piatti del giorno che arricchiscono l’offerta.

A poche centinaia di metri dalla ormai celebre pizzeria 50 Kalò, in viale Gramsci 15c, 50 PANINO è una hamburgeria di alta qualità che raccoglie tutta l’esperienza di Ciro Salvo, maestro indiscusso dell’impasto (Premio Speciale Gambero Rosso 2016) e selezionatore di prodotti di eccellenza.
Il pane di 50 PANINO nasce da una ricetta esclusiva, messa a punto da Ciro Salvo dopo mesi di sperimentazioni sulle farine, l’impasto e il forno perché – spiega - <un buon panino nasce innanzitutto intorno ad un buon pane>.
Le carni sono carni a filiera chiusa e certificata, selezionate da Roberto D’Andrea di Io Sono la Chianina, storica macelleria di Napoli e vera griffe della carne di alta qualità: sono di razza chianina, di maiale nero casertano, di agnello e di pollo biologico. L'assortimento delle carni per la preparazione degli hamburger è durata mesi con assaggi, prove, rettifiche per una ricetta di altissima qualità. Non solo una scelta accurata delle razze e dei tagli da utilizzare, ma anche dei tempi di produzione: ogni hamburger viene infatti preparato solo 24 ore prima per lasciar risposare le carni tritate e solo alla fine procedere alla pressa del disco, in modo da preservarne tutta la freschezza.

50 Panino Hamburgeria di Ciro Salvo
Viale Antonio Gramsci, 15/c  - Tel. 081 7618144 - www.50panino.it
Chiuso il martedì

ufficio stampa Dipunto studio | Tel. 081 681505 | www.dipuntostudio.it


Aversa, La terra del buono.


Asprinio doc: Gianfranco Iervolino, Peppe Guida e Alfonso Pepe insieme
Parte da Morsi & Rimorsi la crociata per la valorizzazione del grande bianco campano


Sostenere e riscoprire l'Asprinio d'Aversa, il bianco campano doc di grande tradizione che rischia l'estinzione E' questo l'obiettivo della serata che si è svolta ieri ad Aversa da Morsi & Rimorsi che ha visto insieme tre grandi maestri del gusto (il pizza-chef Gianfranco Iervolino, lo stellato Peppe Guida di Nonna Rosa - Vico Equense e il noto pasticciere Alfonso Pepe) per sostenere le ragioni dei produttori del grande bianco campano.
Otto le aziende vitivinicole presenti al focus che rappresentano tutta la produzione: 0Benito Di Costanzo, Caputo, Magliulo, Masseria Campito, Numeroso, Salvatore Martusciello, Tenuta Fontana, Vestini Campagnano.
"Riteniamo doveroso - ha affermato Gianfranco Iervolino - che l'alta cucina vada in soccorso delle produzioni autoctone del territorio. Del resto, aggiunge, l'abbinamento ideale per piatti a base di mozzarella, che è uno dei prodotti più tipici di queste zone, è proprio l'Asprinio di Aversa che in molti realizzano nella versioni spumante".
Perfetto si è infatti rivelato l'abbinamento con le creazioni esclusive dei tre maestri del gusto per la serata da Morsi & Rimorsi e, in particolare, con la frittatina di Peppe Guida realizzato con bucatini del pastificio Dei Campi, friarielli, salsiccia e nduja e con la pizza "Nonna Rosa" che il padrone di casa, Gianfranco Iervolino ha voluto dedicare proprio  allo chef stellato riportando sul top della pizza gli ingredienti di un celebre piatto di Guida: crema di patate, baccalà, scarola riccia, zeste di limone, polvere di camomilla e peperone crusco.
La versione spumante ha accompagnato lo straordinario babà di Pepe e l'anteprima della sua Colomba.

La serata, organizzata dalla Event Planet, è stata divisa in tre momenti: la presentazione dei produttori di Asprinio, la degustazione e, infine, la solidarietà: i titolari di Morsi & Rimorsi (insieme a Iervolino fanno parte della compagine societaria i fratelli Capece e Gianni Malinconico) hanno simbolicamente consegnato a don Ernesto Rascato della Diocesi di Aversa l'assegno da 2500 euro, pari al ricavato della vendita della pizza Aversana, che servirà a finanziare il restauro del mosaico del Cardinale Innico Caracciolo - Secolo XVII, opera di Pietro Bracci, sito nella Cappella del Sacramento della Cattedrale di Aversa.


venerdì 17 marzo 2017

10 anni di Wine&Thecity: oggi 17 marzo, al PAN di Napoli, la conferenza stampa di presentazione.



Wine&Thecity, dieci anni di ebbrezza creativa a Napoli
Dal 5 al 26 maggio la X edizione

#wineandthecity #ebbrezzacreativa

Napoli festeggia 10 anni di ebbrezza creativa: Wine&Thecity, rassegna diffusa e in movimento, celebra il suo decennale. Dal 5 al 26 maggio, circa cento luoghi della città si aprono alla più trasversale e gioiosa “festa mobile”: sono musei e palazzi storici, ma anche spazi privati, boutique e ristoranti, atelier di artisti e architetti, ipogei millenari, chiese barocche, alberghi e percorsi urbani. Una mappa estesa che tocca diversi quartieri della città: dalla collina di Posillipo a Spaccanapoli, dalle vie eleganti di Chiaia ai vicoli stretti del centro antico.

Si comincia il 5 maggio al MANN, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, che accoglierà il grande evento inaugurale e si prosegue per tre settimane tra happening, degustazioni, visite guidate, azioni d’arte, esposizioni di design, fino al gran finale del 26 maggio in piazza del Municipio: Forme uniche, uno spettacolo emozionante della Compagnia Il Posto Danza Verticale + Marco Castelli Small Ensemble. Il vino è il filo che unisce questa trama fitta e multiforme di appuntamenti, è l’ispirazione e il motore di tutto: circa cento cantine da tutta Italia partecipano ogni anno al progetto che gode del patrocinio del Movimento Turismo del Vino.

Le novità di questa X edizione sono numerose:
Dal 12 al 14 maggio, il Complesso monumentale di San Domenico Maggiore, nel cuore del centro antico, ospiterà l’Enoteca della Banca del Vino di Slow Food con una grande selezione di etichette provenienti da Pollenzo e i Laboratori di degustazione con vini proposti e selezionati dalla guida Slow Wine di Slow Food Editore.
Il 15 e il 23 maggio, “Uno chef al Museo”, in collaborazione con Ferrarelle, porta per la prima volta l’alta cucina di Gennaro Esposito Due Stelle Michelin e di Pasquale Palamaro Una Stella Michelin in due prestigiosi musei della città.
Il 20 e 21 maggio Wine&Thecity entra per la prima volta nelle stanze del Museo dell’Archivio Storico del Banco di Napoli accompagnando con il vino la visita al più grande archivio storico bancario del mondo.

Tra gli spazi inediti e mai toccati prima dalla manifestazione ci sono anche l’ex carcere minorile Filangieri, già Convento delle monache Cappuccinelle nel ‘600, e oggi spazio collettivo e bene comune con il progetto dello Scugnizzo Liberato, e la Chiesa dell’Arte della Seta nel centro antico.

Coltiviamo ebbrezza creativa, mettiamo in moto la città, andiamo alla scoperta di luoghi mai visti o semplicemente dimenticati. Siamo nomadi e trasversali, parliamo molti linguaggi. Ci piace la contaminazione, sovvertiamo gli stereotipi. Crediamo nella pluralità di voci e nel vino come espressione culturale” è il manifesto della rassegna che dal 2008 anima il maggio napoletano e che si reinventa ogni anno mettendo in rete circa 100 tra associazioni culturali, piccole imprese del territorio, artisti e designer configurandosi come una grande factory di produzione creativa.
Si rinnova il binomio vino e design anche per questa X edizione con le mostre “Crisalidi di Salvatore Aiello per ReLegno” e “Ultraceramica People and objects of the future” di ADI Delegazione campana.

Per la grande attenzione dedicata al design sin dalla prima edizione (con mostre, progetti site-specific e il Premio Convivium design istituito con Pastificio dei Campi)  Wine&Thecity e il suo sistema di eventi diffuso sul territorio è candidato, per la categoria Exhibition Design, alla selezione ADI Design Index 2017, la pubblicazione che costituisce preselezione per la partecipazione al Premio Compasso d’Oro ADI 2018, il più antico e autorevole premio mondiale di design.

È in corso uno studio dell’Università della Campania Luigi Vanvitelli, Cattedra Strategie d’Impresa del Dipartimento di Economia, coordinata dal prof. Francesco Izzo, sui 10 anni di Wine&Thecity a Napoli: la storia, i numeri, la crescita sul territorio.

A two-week celebration of regional vino, with free wine tastings and cultural events in palaces, museums, boutiques and eateries throughout the city”, scrive la Lonely Planet consacrando la manifestazione a livello internazionale.

La X edizione di Wine&Thecity è realizzata con la collaborazione del Mann Museo Archeologico Nazionale Napoli, il patrocinio del Comune di Napoli e la collaborazione dell’Assessorato alla Cultura e Turismo; e con il fondamentale contributo di sponsor privati quali Aeroporto Internazionale di Napoli, Ferrarelle, Kimbo, Pastificio dei Campi, Motorvillage Napoli. Con il supporto di Ais Napoli, ANM, Grimaldi Lines, Panificio Malafronte Gragnano,  ReLegno. E con il patrocinio di Movimento Turismo del Vino, Municipalità Chiaia San Ferdinando e Federalberghi Napoli. Sono media partner del progetto IgersNapoli, Napoli da Vivere e NeapoliSparita.







venerdì 10 marzo 2017

Mercoledì 15 marzo "Mostobuono" festeggia il suo primo compleanno.


Il 15 Marzo, Mostobuono – Vini & Cucina compie un anno di attività. Il locale di Davide Schiano Lo Moriello e Paolo Del Franco, situato in via E. Alvino 50, è riuscito in 365 gg a guadagnarsi l’affetto dei vomeresi e non solo, grazie alle sue proposte gastronomiche (e non) a 360°. Dal pranzo alla cena con la cucina classica napoletana dello chef Domenico Guarracino, agli “Aperitivi Musicali”, al dopo cena, senza tralasciare la fantastica selezione di vini curati dall’azienda Villa Matilde. Un ambiente in pieno stile shabby chic, che ha saputo portare una ventata di freschezza e buon gusto nel cuore del Vomero.

In occasione del primo anno di attività, Mostobuono organizza per la sera del 15 marzo una cena spettacolo con tre figure che sono state in qualche modo protagoniste nei 12 mesi e hanno supportato in varie iniziative il locale: lo Chef Carlo Verde, il “Re della Griglia” Venerando Valastro e la talentuosa Martina Cantone (concorrente napoletana dell’ultima stagione del talent show televisivo Bake-off Italia).

La serata prevederà un live cooking show, in cui ognuno dei protagonisti, per il proprio settore, proporrà la sua idea di cucina andando a formare un menù imperdibile. Sarà una “cena al buio”: gli ospiti scopriranno durante la serata non solo il piatto, ma capiranno anche le tecniche di cucina grazie alla dimostrazione pratica dei protagonisti del cooking show. L’antipasto sarà affidato al giovanissimo chef Carlo Verde. Il primo piatto sarà affidato allo chef residente Domenico Guarracino, il secondo di carne “insolito” sarà eseguito dallo chef griller Venerando Valastro. Il dolce, sarà ovviamente affidato alla giovane Martina Cantone. Sarà una zeppola napoletana di San Giuseppe (made by “Casa Infante”) farcita al momento con una speciale crema pasticcera e glassata al cioccolato fondente davanti al pubblico.

Una serata di divertimento e di buona cucina da non perdere.



Mostobuono – Vini & Cucina

Via E. Alvino 50 – Napoli

Per prenotazioni: 081 016 8733

martedì 7 marzo 2017

Giovedì 9 marzo ad Orta di Atella il convegno "Agricoltura: Opportunità e Terra Felix"



Orta di Atella
Si terrà giovedì alle 17:30, presso la sala consiliare del Comune di Orta di Atella, un convegno dal titolo “Agricoltura: opportunità e terra felix”.

Il dibattito sarà incentrato sulle opportunità che può offire oggi l’agricoltura nella provincia di Caserta e inizierà con i saluti del Sindaco di Orta di Atella, Giuseppe Mozzillo. Il seminario sarà moderato dalla consigliera comunale di Orta di Atella Eleonora Misso e vedrà relazionare sull’argomento: dott. Tommaso De Simone, Presidente Coldiretti Caserta, on. Giovanni Zannini, consigliere regionale e membro della Commissione ambiente Regione Campania, on. Stefano Graziano, consigliere regionale e membro commissione Terra dei fuochi Regione Campania, Francesco Alfieri, consigliere del Presidente della Giunta regionale Campania per i temi attinenti all’agricoltura e alla pesca, dott. Nicola Migliaccio, agronomo e fiduciario di condotta slow food agro aversano-atellano, avv. Nicomede Di Michele, Presidente associazione Fracta Sativa Unicanapa. Concluderà  la senatrice Angela Saggese, componente della commissione Agricoltura Senato.